Le pagine della cultura

 


 

L'ex Seminario arcivescovile

Masseria Foragno, Ostuni (Br)

Ricerca originale ed inedita di Pina Catino ę

Masseria Foragno, giÓ Sede del Seminario Arcivescovile, Ostuni

Presentazione didascalica

Si ringrazia per le notizie fornite l'architetto Conserva, attuale proprietario, che ha restaurato la fabbrica dal degrado naturale, aggravato da azioni di rapina continuata a pinnacoli, fregi, stemmi, cornici, decorazioni e perfino dell'altare della cappella oltre a intere pareti in "pietra gentile".

La Masseria Foragno, giÓ sede estiva del Seminario Arcivescovile, risalente al XVII secolo, Ŕ ubicata nella Selva di Ostuni (Br), su una collina a 250 m sul mare, in contrada Fumarola. La sua maestosa bellezza si nota da diverse contrade.

In seguito ad un incendio, nell'aprile 1757, il corpo della struttura fu ampliata dall'arcivescovo Pietro Consiglio e destinata come sede di villeggiatura per i seminaristi ed i convittori della Diocesi.

Un superbo Fragno, albero in estinzione, specie protetta

Dopo l'UnitÓ d'Italia, fu prima proprietÓ del Demanio e successivamente pass˛ a privati.

Foglie del Fragno

L'importante corpo di Fabbrica, riveste un notevole interesse storico, architettonico e ambientale, sia in ambito nazionale che internazionale.

Ex chiesetta del Seminario

La particolarissima volta dell'ex chiesetta

Il restauro eseguito dall'architetto Conserva, secondo criteri geocompatibili, nel rispetto dell'antica destinazione d'uso per la villeggiatura e lo studio, ne ha valorizzato le potenzialitÓ, creando un imponente sistema integrato destinato a ricezione ed ospitalitÓ, attivitÓ formative e socio-culturali.

Uno dei dormitori per il seminaristi, sala oggi adibita ad attivitÓ didattico-formativa

Pina Catino

gennaio 2010


Visita la pagina dedicata Pietro Consiglio Arcivescovo di Brindisi e di Ostuni (1826-1839)

Centro Culturale e di Studi Storici "Brigantino - il Portale del Sud" - Napoli e Palermo admin@ilportaledelsud.org «copyright 2010: tutti i diritti riservati. Webmaster: Brigantino.

Sito derattizzato e debossizzato