Note e Versi Meridiani

 

 

pagina autore

L'Ammereca

di Peppe Cassese

 

Songo partuto figlio 'e na speranza,

pe dà na terra nova a chesta famma

ca cresce e more senza avè na mamma,

frate 'e nu tiempo perzo int’a valanza.

 

Songo partuto e steve miezo a tante,

'nfurchiate comme a puorche e pecurune;

gente a migliare ed eramo nisciuno...

Sulo 'a fetumma era nu giagante!

 

Songo partuto e comme so' arrivato

nu viecchio m'afferrato e ha ditto: " Llà!

Chella è l'Ammereca, chella è 'a Libertà...!"

e 'o pietto s'è 'nfucato e s'è ‘ncurdato.

 

L'Ammereca, che terra consacrata!

Terra ca conta mille si daie mille,

terra ca nun se perde c'a diasilla,

chiena 'e salute, chiena 'e dio lodato...

 

Terra c'aggio stentato e aggio spaccato,

scavanno case, sciumme, prete e mare,

cu chesti bracce addeventate acciaro...

Terra ca gente antica ha vasulato!

 

L'Ammereca, na corza ‘nfaccia 'o viento,

cu dinto sango e carne smancecata,

cu fora juorne e notte spetacciate.

L'Ammereca, che granne smazzamiento!

 

L'Ammereca songo io, nu poco 'e niente,

ca 'a sciorta s'è pigliato e s'è purtato

addò pure nu santo ha 'nciampecato...

L'Ammereca, guagliù, è chesta gente!

 

Gente c'a dato 'a vita, 'o nomme e 'o core,

gente ca tu cuffiave pezze-a-culo,

gente ca tu sapive quartarulo,

gente ca cu sti mane ha scritto 'a STORIA!

 

Pubblicazione de ilportaledelsud.org, agosto 2015

Centro Culturale e di Studi Storici "Brigantino - il Portale del Sud" - Napoli e Palermo admin@ilportaledelsud.org ®copyright 2015: tutti i diritti riservati. Webmaster: Brigantino.

Sito derattizzato e debossizzato