Note e Versi Meridiani

 

 

pagina autore

Cielo d’Abruzzo

di Peppe Cassese

 

dedicata alle vittime del terremoto e della incuria dell’uomo

 

‘A terra tremma e sbatte ‘nfaccia ‘o cielo…

‘O cielo nun’a sente e stenne ‘o velo

e ‘a mano ca astrigneva na passione

se sceta annura e senza na ragione.

 

‘O suonno nnitto ‘nfatto s’è stracciato

sperdenno tutto quanto ‘o semmenato

e nu silenzio nu silenzio ‘e guerra

me piglia po’ me stona e l’uocchie ‘nzerra…

 

‘O core corre e chiamma miez’a via

e mille vocche songo ‘a vocca mia

ma dint’a chesta notte ricca ‘e stelle

‘a morte vene a regnere ‘a scarzella

e ciento storie e ciento e ancora ciento

me contano d’a vita ‘o trademiento.

 

Sta terra santa sta terra benedetta

sta terra ca se spacca nun’aspetta

e l’ommo ca ‘a putesse abbalurà

se ‘ntrocchia sulamente p’a sciarmà

e ‘a casa nasce allora ‘ncopp’a rena

(basta ca ‘a sacca po’ se trova chiena)

e ‘o juorno reje appena nu minuto

e nun ce sta nu cristo ca dà aiuto

e ‘a carne fa a cazzotte c’o cemento

‘ntunanno ‘e chesta sciorta ‘o fallimento…

 

Cielo pugnente cielo pretenziuso

perdoname si st’uocchie songo ‘nfuse

perdoname si ‘e sante nun’e saccio

e ‘o sole ‘a dint’o pietto afora caccio.

 

Cielo d’Abruzzo cielo stralucente

aiutame a prià pe chesta gente

aiutale a truvà chella speranza

ca nun’abbasta pure sì è abbastanza.

 

Ajere me sentevo ‘e piglià ‘o terno

ment’ogge resta sulo nu quaterno

addò ce scrivo case smancellate

addò me segno ‘e nomme ‘e chi c’è stato…

Ajere me sentevo ‘mparaviso

ment’ogge me rummane nu straviso

e pe’ sti facce fredde e turmentate

quann’è  ca ‘a notte torna vasulata?

 

Cielo ‘e sti terre cielo ‘e sti muntagne

aiutace a fermà stu magna-magna

aiutace a scavà chillu curaggio

ca è muorto mbraccia a nuie aprile e maggio…

Cielo ‘e sti chiese cielo ‘e chesti croce

perdonace si ‘a vocca nun’è doce

perdonace si tu ce faie paura

e ‘ncuorpo volle ancora ‘a nervatura…

 

Ajere nun se po’ maje cancellà

ment’ogge fosse l’ora ‘e s’attizzà

luttanno ogne mumento p’o dimane

cu tutt’a forza e ‘o fuoco ‘e chesti mane…

Ajere nun se po’ maje cchiù scurdà

ment’ogge s’accumencia a fravecà

speranno doppo ‘o suonno ca sta vita

se ‘ntona finalmente sapurita.

 

Pubblicazione de ilportaledelsud.org, aprile 2014

Centro Culturale e di Studi Storici "Brigantino - il Portale del Sud" - Napoli e Palermo admin@ilportaledelsud.org ®copyright 2014: tutti i diritti riservati. Webmaster: Brigantino.

Sito derattizzato e debossizzato