Note e Versi Meridiani

 

 

pagina autore

Lettera alla Madonna

di Peppe Cassese

Antonello da Messina, la Vergine Annunziata

 

E pe chist’anno fa sguiglià nu core

ca fosse masto ‘e vita e ‘mpustatore

pe da’ nu poco ‘e sciato sti guagliune

ca dint’a chesta Italia so’ nisciuno.

 

E pe chist’anno mannece nu suonno

ca ‘e chesta vita nun tenesse scuorno

addo’ se sceta sulo chi è felice

addo’ parianno simmo tutte amice.

 

E pe chist’anno voglio nu rilorgio

ca nun signasse ‘o tiempo ‘e mastuggiorgio

e ca sbattesse arillo puntualmente

pe figlie nuoste senza fa’ ‘o pugnente.

 

E pe chist’anno miettece abbondanza

dint’a ogne sacca dint’a a ogne panza

e si na vocca scoccia e fa pruciesso

falla cuntenta…’nzerrala int’o cesso.

 

E pe chist’anno fa cantà l’ammore

cu tutt’a forza dint’a ogne core

e a tutte ‘e nenne lanza na cemmosa

‘a cchiù carnale…fresca comme a rosa!

 

     E pe chist’anno famme sta assettato

‘ncoppa a na seggia senza fa’ ‘o malato

e si ‘a salute ‘ntona na sunata

a sta ciccona falle na lavata.

 

E t’a fernesco cu sti tre parole

cusute cu doie mane a volo a volo

c’o sango spiso e vivo ‘a chesti vene

ca stanno a ricamà: “Te voglio bene!”

 

Pubblicazione de ilportaledelsud.org, dicembre 2013

Centro Culturale e di Studi Storici "Brigantino - il Portale del Sud" - Napoli e Palermo admin@ilportaledelsud.org ®copyright 2013: tutti i diritti riservati. Webmaster: Brigantino.

Sito derattizzato e debossizzato